Eureka! Un mini pannello solare portatile!

Questo è quello che ho pensato al mare quest’estate mentre mi annoiavo. Si sono una persona insopportabile e in spiaggia penso molto e soprattutto mi annoio.

Mi annoio perché ho caldo, perché rischio vari gradi di ustione e boh in generale perché penso sempre.

In spiaggia però mi son domandato, guardando il sole, come convertire l’energia solare estiva in corrente elettrica.

Ok, lo ammetto. Non credo di essere stato il primo a pensarci e molte città hanno già delle centrali solari ma io intendevo come usarla per ricaricare smartphone, cuffiette bluetooth o pc.

Mi son messo a cercare e ho trovato due soluzioni:

Sono tutte e due soluzioni energetiche stupide in quanto il primo raccoglie poco sole, il secondo non raggiungerà mai il break even tra accumulazione e creazione di energia. E in generale costano più della media.

Proprio dopo questo ho deciso di comprare il mini pannello solare portatile, geniale no? 

Non è un acquisto super intelligente ma volevo togliermi lo sfizio e sinceramente mi ha sorpreso la facilità di utilizzo e anche i risultati.

Ad un primo test in balcone ha ricaricato il telefono da 15% a 70% in meno di 20 minuti, non male no?

Dentro la confezione trovi il pannello solare, composto da 4 cristalli pieghevoli per un totale di 30w, una tasca con zip dove è presente l’adattatore con 2 prese USB e una USB-C e in cui puoi mettere il device.

Per usarlo vi basta mettere al sole il mini pannello solare portatile, collegare un cavo dall’adattatore al tuo gadget tech anche se vi consiglio di metterci un powerbank.

Aspetta e goditi l’energia elettrica gratis (se fa pe’ dì) del sole.

Puoi anche attaccare il pannello allo zaino usando i comodi moschettoni inclusi nella scatola.